Attualità

Attualità

Qui potrete scoprire le novità nei campi della ricerca e della medicina, il programma delle manifestazioni ed eventi benefici o leggere le cronache degli eventi passati.

Vuole rimanere sempre aggiornato?

Si abboni alla infoletter elettronica della Società svizzera sclerosi multipla

REGISTRARSI

Nuovo numero di FORTE: La SM prende il suo pedaggio

La prima metà della sua vita Christina Kauth l’ha dedicata agli altri. Come infermiera a domicilio ha assistito chi non era in grado di gestire la propria quotidianità senza un aiuto esterno. Con la diagnosi di SM si è insinuato un lento cambio di ruolo: oggi è lei a ricevere assistenza a casa propria.

Volontariamente con una mascherina: proteggiamo le persone vulnerabili

Come Società svizzera SM seguiamo il principio: la sicurezza e la salute prima di tutto, nonostante tutte le misure di protezione contro il coronavirus siano state revocate. Questo perché il virus è ancora lì e le categorie di persone vulnerabili (particolarmente a rischio), che includono anche molte persone con SM, continuano a correre il rischio di un grave decorso della malattia, malgrado la vaccinazione.

Educazione alla gestione dell’energia nell’ergoterapia

L’educazione alla gestione dell’energia (EGE) è una terapia di gruppo, nata per affrontare l’affaticamento correlato alla SM, nell’ambito dell’ergoterapia. Sviluppato all’interno di un progetto di ricerca che ha coinvolto le persone con SM, è ora proposta in istituti e ambulatori da parte di ergoterapisti appositamente formati. La Società svizzera sclerosi multipla ha sviluppato, assieme ai terapisti sul territorio ticinese e alla SUPSI, un progetto per offrire gruppi terapeutici adatti alle varie esigenze. Ne parliamo con Cristina Ritter, ergoterapista facente parte del progetto.

Sclerosi multipla e affaticamento: cosa sappiamo?

La fatigue, ossia una sensazione perdurante di terribile spossatezza, è uno dei sintomi più frequenti nella sclerosi multipla che può compromettere seriamente la qualità di vita e manifestarsi in qualsiasi fase della malattia. Purtroppo le nostre attuali conoscenze sulla genesi della fatigue come anche le opzioni diagnostiche e terapeutiche disponibili sono molto limitate. La Dr.ssa med. Zina-Mary Manjaly e Inês Pereira riassumono le attuali informazioni sul tema.

Il Tribunale federale asseconda una prassi controversa dell’AI. Ora è il Parlamento a prendere la parola

Malgrado le limitazioni nello svolgimento di un’attività lavorativa, tanti assicurati non ricevono una rendita o ne ricevono una esigua, perché l’assicurazione invalidità parte da ipotesi irrealistiche per la determinazione del reddito teorico con invalidità. Si tratta di una prassi da anni oggetto di controversie, che tuttavia il Tribunale federale conferma ora con una sentenza. Le ripercussioni interessano anche le persone con SM.

L’importanza del trattamento precoce della SM in bambini e adolescenti

Nella maggior parte dei casi, la SM viene diagnosticata tra i 20 e i 40 anni di età. Ma anche i bambini e gli adolescenti ne sono colpiti, sebbene più di rado. In questi casi si parla di SM pediatrica. In occasione del «MS State of the Art Symposium», la Prof.ssa Brenda Banwell del Children’s Hospital di Philadelphia (USA) ha parlato di diagnosi, terapia e conseguenze della SM pediatrica.

Manifestazioni: finalmente si riparte... ma con cautela!

A febbraio 2022 il Consiglio federale ha reso nuovamente accessibili tutte le manifestazioni senza obbligo di mascherina né di certificato. Per ciò che concerne le manifestazioni della Società svizzera SM, continua ad applicarsi il seguente principio: la sicurezza e la salute hanno sempre la priorità poiché molte persone con SM rientrano nelle categorie di soggetti vulnerabili che rischiano un decorso grave del Covid-19 nonostante il vaccino. Per queste persone la sospensione delle misure non segna la fine della pandemia, anzi.

Il legame profondo tra cranio e cervello: nuove scoperte sull’infiammazione?

Nelle persone con sclerosi multipla, le cellule immunitarie circolanti nel sangue raggiungono il sistema nervoso centrale (SNC), causando il progresso della malattia. Recenti scoperte negli animali suggeriscono che le strutture meccaniche esterne a protezione del SNC, ovvero il cranio e le vertebre, potrebbero costituire una fonte inaspettata di cellule immunitarie pronte a invadere il SNC durante la malattia.

×