Attualità

Attualità

Qui potrete scoprire le novità nei campi della ricerca e della medicina, il programma delle manifestazioni ed eventi benefici o leggere le cronache degli eventi passati.

Vuole rimanere sempre aggiornato?

Si abboni alla infoletter elettronica della Società svizzera sclerosi multipla

REGISTRARSI

È giunto il momento di compiere i prossimi passi

Nel 2006 è stata approvata la Convenzione ONU per i diritti delle persone con disabilità (CRPD), ratificata in Svizzera nel 2014. A marzo 2022 è prevista la verifica della sua applicazione. La Società svizzera SM condivide il punto di vista di Inclusion Handicap, associazione mantello delle organizzazioni che si occupano di persone con disabilità in Svizzera, secondo cui molti ostacoli all’applicazione della CRPD dell’ONU non sono ancora stati eliminati. Una grande manifestazione che si svolgerà a Berna il 9 marzo ha l’obiettivo di puntare i riflettori su questo problema.

La medicina complementare sta assumendo un’importanza sempre maggiore

Uno dei workshop che si sono svolti nell’ambito del «MS State of the Art Symposium» era incentrato sul tema della medicina complementare. Le due relatrici, la Prof. Dr.ssa Claudia Witt dell’Ospedale universitario di Zurigo e la Prof. Dr.ssa Ursula Wolf dell’Università di Berna, hanno tenuto una presentazione sulla crescente importanza della medicina complementare, esponendo anche alcune possibilità che possono rivelarsi utili nel trattamento delle persone con SM.

Età o maggiore durata della SM: qual è il principale fattore correlato all’insorgenza di patologie collaterali?

Quando in persone con una patologia di base come la SM si presentano altre malattie, queste vengono definite «comorbilità». Il nuovo studio del Registro SM ha l’obiettivo di determinare se anche la durata della SM possa magari contribuire all’insorgenza di tali patologie collaterali o se queste siano piuttosto da ricondurre all’avanzare dell’età.

Covid-19 e SM: cosa sappiamo oggi

In occasione del «MS State of the Art Symposium» si è tenuto un workshop per fare il punto della situazione sulle conoscenze attuali relative al Covid-19 nelle persone con SM. È stato affrontato anche il tema della sindrome Post-Covid-19, che continua a causare disturbi alla salute anche mesi dopo la scomparsa dei sintomi acuti della malattia.

Un maggior numero di terapie a disposizione consente una scelta più personalizzata

Nel suo intervento intitolato «Quante nuove terapie contro la SM sono ancora necessarie?» in occasione del «MS State of the Art Symposium», il Prof. Dr. Andrew Chan dell’Ospedale Universitario di Berna ha fornito un resoconto dei nuovi farmaci contro la SM autorizzati lo scorso anno e spiegato perché è importante poter sempre disporre di nuove opzioni terapeutiche.

La SM negli anziani

L’aspettativa di vita delle persone con SM è oggi pressoché identica a quella della popolazione generale. Di conseguenza, vi sono anche sempre più pazienti anziani. In occasione del «MS State of the Art Symposium», il Prof. Dr. Thomas Berger dell’Università di medicina di Vienna ha parlato di come l’invecchiamento influisca sulla malattia e sulle esigenze delle persone colpite, ad esempio in riferimento alla terapia.

Raccolta di informazioni su SM e coronavirus

La Società SM è qui per voi. Il coronavirus ha cambiato profondamente la nostra vita quotidiana e continuerà a farlo anche nei prossimi mesi. La raccolta di informazioni che segue è costantemente aggiornata e aiuta le persone con SM e i loro familiari a informarsi e a tenersi aggiornati sul Covid-19, in particolare nel contesto della SM.

×