Dettaglio

Sprachnavigation

Mobile Navigation

Il lockdown è finito – la Sclerosi multipla invece no

Se c'è un termine che caratterizza la fase attuale della pandemia di coronavirus è la parola «incertezza». I nuovi focolai di Covid-19 si stanno espandendo sempre di più a livello globale. Le norme europee, anche all'interno della Svizzera, per il contenimento e l'allentamento assomigliano a una colorata trapunta patchwork. Cosa succederà all'economia quando ci sarà il vaccino, e quanto sarà il rischio personale?

Vecchie domande e paure - più nuove

Molti di noi sopportano a stento questa incertezza, desiderando la normalità. Rivogliamo la nostra vita precedente, senza restrizioni, senza incertezze. Vogliamo essere in grado di pianificare e fare cose, perseguire hobby, incontrare amici. Questo «stato di emergenza» alla fine passerà e l'insicurezza diminuirà. Per le persone affette da SM, tuttavia, questo è e rimane il normale stato delle cose. Le persone con SM e le loro famiglie vivono questo stato di incertezza ogni giorno, non solo temporaneamente. Il ritorno a una vita «normale» o «precedente» è per loro del tutto fuori questione.

In Svizzera, le questioni sollevate dalla pandemia di coronavirus, che sono ancora più rilevanti e rischiose per molte persone con SM che appartengono a un gruppo a rischio, hanno un impatto sul lavoro. La Società svizzera sclerosi multipla ha avuto un ruolo molto importante - negli ultimi mesi e nei prossimi mesi. Alle paure, alle preoccupazioni, alle domande, alle incertezze e alle difficoltà finanziarie delle ultime settimane se ne aggiungono di nuove. Le strutture diurne e di assistenza, che sono scomparse da un giorno all'altro, gli effetti della pandemia e del lockdown hanno avuto conseguenze sulla psiche e sulla salute di ogni individuo. Dunque, ai problemi economici e finanziari si aggiungono la mancanza di esercizio fisico, la depressione, la mancanza di partecipazione sociale, l'incapacità di organizzare visite familiari o gli eventi e le attività della Società svizzera sclerosi multipla, la sensazione di sentirsi «responsabili» del primo isolamento in quanto gruppo a rischio e la paura, se ci sarà una nuova ondata, di non poter esprimere la solidarietà dimostrata in precedenza.

Il vaccino è in arrivo? Ed è adatto alle persone con SM?

Molto dipende dalle domande «se» e «quando» ci sarà una vaccinazione di successo a livello nazionale. Le persone con SM si domandano anche se tollereranno la vaccinazione. Alcuni esperti presumono che una vaccinazione sarà disponibile al più presto, all'inizio del 2021, mentre altri non si aspettano un vaccino per gli anni a venire. Questo a condizione che il virus non muti. La Svizzera si sta preparando a questo scenario e alle sue conseguenze, così come la Società svizzera sclerosi multipla. Si stanno sviluppando nuove forme di eventi o di consulenze: i servizi esistenti devono essere adattati ai piani di protezione. La protezione dei gruppi di persone colpite è una priorità assoluta per la Società svizzera sclerosi multipla. A malincuore, infatti, le gite di gruppo per il 2020 sono state cancellate. Le entrate già ottenute andranno perse. Allo stesso tempo bisognerà fare i conti con i costi aggiuntivi derivanti dall'adesione ai piani di protezione, dai servizi di consulenza aggiuntivi, dall'invio di mascherine per le persone colpite, dall'aumento dei pagamenti per i casi bisognosi, dall'incremento delle attività di informazione e dall'aumento della presenza digitale. Le soluzioni creative e innovative devono essere trovate in breve tempo e nonostante tutte le incertezze. Le persone con SM hanno bisogno di aiuto e sostegno più che mai. La Società svizzera sclerosi multipla non si ferma. Un compito che non può essere svolto senza sostegno e donazioni.

Le persone con SM possono continuare a contare sulla solidarietà e sul sostegno attivo dei donatori?

Solo l'incertezza è un fattore di sicurezza per le persone con SM. Senza contare il grande dispendio di tempo che comporta la necessità di prendere in mano la situazione e di ridurre le incertezze per il futuro. Per fare questo, la Società svizzera sclerosi multipla ha bisogno di solidarietà nei fatti e nelle parole e di una disponibilità a donare che sia adeguata a questa situazione eccezionale. Il lockdown è terminato l'8 giugno, ma la situazione rimane particolarmente difficile per molte persone con SM. La Società sclerosi multipla ringrazia i donatori per la loro fiducia e il loro sostegno!

Donare ora

×