Dettaglio

Sprachnavigation

Mobile Navigation

Il digiuno terapeutico influisce in modo positivo sui sintomi della SM?

In base ad un recente studio, una dieta povera di calorie potrebbe avere un influsso positivo sul sistema immunitario e ridurre i sintomi di SM.

Il digiuno terapeutico influisce in modo positivo sui sintomi della SM?

Sclerosi multipla (SM) - attacco alla guaina isolante dei nervi

Alcuni ricercatori hanno studiato l'effetto che una dieta ipocalorica può avere su sintomi simili a quelli della SM nei topi.1 Una caratteristica della sclerosi multipla e del disturbo studiato nei topi, è la reazione immunitaria che aggredisce la guaina mielinica isolante. Questa guaina, che avvolge le cellule nervose, subisce un danneggiamento e il trasporto degli impulsi nervosi non avviene più nel modo giusto. Questa situazione è accompagnata dai sintomi più disparati, come ad esempio paralisi, problemi della vista, dolori, stanchezza e depressione.

Adattamenti del sistema immunitario a seguito di una dieta ipocalorica

In un periodo di tre settimane, per tre giorni, le calorie assunte sono state ridotte della metà. In questo modo è stato mimato l'effetto del digiuno. Per motivi che non sono ancora completamente chiari, questa dieta ha influito in modo positivo sul sistema immunitario dei topi, che hanno manifestato un minor numero di infiammazioni, inoltre è stato osservato un aumento della produzione di mielina, con conseguente riduzione del danneggiamento della guaina mielinica.2

È stato possibile confermare questi effetti anche nei pazienti con SM?

Alcuni degli effetti osservati nei topi sono stati confermati in uno studio, di dimensione limitata, svolto su pazienti con SM. Lo studio ha evidenziato che questa dieta ipocalorica non ha avuto conseguenze negative per i partecipanti dello studio e che è stato possibile ridurre realmente determinati sintomi della SM. Ma per poter trarre conclusioni definitive, è necessario svolgere studi con un numero maggiore di partecipanti. Se volesse provare anche lei ad adottare questa dieta, ne parli prima con il suo medico.

Commento degli esperti

Con questo approccio di digiuno terapeutico, i ricercatori dell'Università della California del Sud hanno messo in pratica una possibilità terapeutica di cui si discute molto. L'influsso del digiuno è studiato anche nel trattamento del cancro, nella prevenzione e nella terapia delle demenze e in molte altre malattie. Il digiuno è una tendenza attuale e può migliorare il benessere. È evidente che proprio in una società di eccessi come la nostra, sarebbe utile adottare alcune rinunce. Ma quali sono le possibilità e i rischi del digiuno per i pazienti con SM?

È ovvio che i risultati di questo primo studio sui topi non possono essere applicati completamente all'uomo. Pertanto, attendiamo con interesse i risultati dello studio pilota di 6 mesi al quale hanno partecipato 60 pazienti con SM. Questo studio, oltre alla frequenza delle recidive e al grado di gravità della malattia, ha analizzato anche l'influsso del digiuno sulla qualità della vita - che costituisce un aspetto molto importante nelle malattie croniche. La qualità della vita degli interessati che hanno praticato il digiuno (definito come 7 giorni di digiuno e successivamente 6 mesi di dieta mediterranea) o che hanno adottato una dieta chetogenica (alimentazione a basso apporto di carboidrati) si è rivelata migliore rispetto a quella della persone che hanno continuato ad alimentarsi nel modo consueto. Il digiuno ha avuto un effetto maggiore rispetto alla dieta chetogenica. 

Questi risultati sono molto promettenti e offrono ai pazienti con SM la possibilità di influenzare attivamente e in modo autonomo la propria qualità della vita e forse anche il decorso della malattia. Tuttavia, è anche necessario osservare il digiuno in modo critico e non è possibile consigliarlo globalmente a tutti i pazienti con SM. Ciò perché lo studio è stato condotto con un numero limitato di pazienti e anche perché non tutte le persone con SM sono uguali. Ad esempio, quando i pazienti hanno problemi di deglutizione, sono sottopeso o perdono peso, è necessario considerare con cautela un eventuale digiuno. Inoltre, è doveroso evidenziare che lo studio pilota ha avuto una durata di 6 mesi. Ma la SM è una malattia cronica, che accompagna i pazienti che ne soffrono per tutta la vita. Lo studio non offre informazioni sugli effetti a lungo termine del digiuno (regolare), ad esempio sui cambiamenti del peso o sulle capacità di rendimento. Chi prende in considerazione un digiuno terapeutico, deve assolutamente consultare il medico curante o un consulente nutrizionista specializzato, per stabilire la durata e le esatte modalità.

Inoltre, è necessario tenere presente che il digiuno o la dieta chetogenica influiscono notevolmente sull'organizzazione della vita quotidiana e quindi anche sulla qualità della vita. Una bella cena in buona compagnia sarà possibile solo entro certi limiti o in tempi ben definiti e l'alimentazione deve essere pianificata con precisione. Ciò significa un impegno aggiuntivo, che non tutti gli interessati riesco ad affrontare con semplicità e che può peggiorare molto la qualità della vita. Un'altra possibilità che può essere facilmente adottata e integrata nella vita di tutti i giorni per influenzare in modo positivo la qualità della vita e la salute attraverso l'alimentazione, potrebbe essere la dieta antinfiammatoria di Adam.3 Questa alimentazione varia, con molti alimenti vegetali e l'uso di grassi di buona qualità, è piacevole, e non prevede divieti rigidi.

Si tratta quindi di trovare l'alimentazione adatta alle singole persone, che idealmente possa influenzare la salute fisica e la qualità della vita in modo positivo, senza avere effetti negativi o limitanti sulla vita sociale, in modo che questo tipo di alimentazione possa essere adottato con piacere e gioia per lungo tempo.

Maja Dorfschmid, BSc | consulente nutrizionista SVDE

Riferimenti

1. Choi, I.Y., et al., A Diet Mimicking Fasting Promotes Regeneration and Reduces Autoimmunity and Multiple Sclerosis Symptoms. Cell Rep, 2016. 15(10): p. 2136-46.
2. http://www.telegraph.co.uk/science/2016/05/28/multiple-sclerosis-could-be-reversed-with-calorie-restricted-die/
3. Adam, Olaf, Ernährungsrichtlinien bei Multipler Sklerose : ein Leitfaden. Münster 2007.

×