Dettaglio

Nuova rivista FORTE: «SM: perché a me?»

«Con le crescenti restrizioni nella mia vita, ho dovuto scendere a patti» dice Mathias Metter. Infatti ha dovuto affidarsi a un aiuto esterno 24 ore su 24.

Mathias Mettler è costretto su una sedia a rotelle elettrica. Tetraplegia incompleta. Ha ricevuto la diagnosi di SM 13 anni fa. «Vedere gli amici che si tuffano nella vita, viaggiano, si innamorano, si sposano e hanno figli fa male e mi rende triste», racconta Mathias.

Ulteriori interessanti articoli di questa edizione:

Lavoro e SM
Arriva un momento in cui le persone con SM si trovano di fronte a un dilemma: devo comunicare la mia diagnosi? Quali sono le conseguenze? C’è il rischio di licenziamento?

Alterazioni cognitive dovute alla SM
La compromissione di memoria, di capacità di concentrazione e di percezione hanno pesanti ripercussioni sulla qualità di vita.

Vera: la mia vita senza filtri
Sui social tratto la positività, bisogna vedere sempre la vita a colori. Come un arcobaleno dopo la pioggia, quando il sole torna a risplendere.

Paolo e la sua esperienza con la SM
Affronto la mia vita «scorrendo», so di avere molte risorse dentro di me e magari la mia esperienza può essere d’aiuto a qualcuno.

×