Abitare in una struttura

Abitare in una struttura

Per chi necessita dell’aiuto costante di terzi, abitare in un istituto può rappresentare un’alternativa valida. Potete contare sul nostro servizio di consulenza.

Per le persone che necessitano dell’aiuto costante di terzi per svolgere le normali attività quotidiane, abitare in un istituto può rappresentare un’alternativa valida, soprattutto se i familiari, il personale Spitex o di altre organizzazioni non riescono a offrire assistenza in misura sufficiente al proprio domicilio.

La scelta di un’abitazione adeguata

Le esigenze personali sono decisive per la scelta dell’istituto. Laddove possibile, è sempre meglio prendere accordi per un periodo di prova. Inoltre è utile chiarire i seguenti punti:

  • La struttura offre cure individuali (per es. fisioterapia)?
  • Le abitudini personali vengono considerate (per es. orario individuale per la colazione)?
  • C’è la possibilità di far pernottare ospiti o familiari nella struttura?
  • Sono ammessi animali domestici?
  • È anche possibile soggiornare per periodi limitati a uno o più giorni?

Costi

I costi per il soggiorno in un istituto sono coperti con il reddito proveniente dalle rendite (rendite AVS/AI, assegno grandi invalidi, eventualmente rendita della cassa pensione).

Le casse malati erogano solo un contributo per i costi assistenziali.

Se la rendita non è sufficiente a coprire i costi, si deve ricorrere ai propri risparmi. Qualora questi non fossero sufficienti, i beneficiari di una rendita AVS o AI sono aiutati dalle prestazioni complementari.

Contatto e maggiori informazioni

Il nostro team di consulenza dell’Infoline SM risponderà a tutte le vostre domande in materia finanziaria o vi indicherà gli uffici specializzati nella vostra regione per un colloquio personale.

Siti utili: