News sul Registro svizzero SM

Sprachnavigation

Mobile Navigation

Das Schweizer MS Register

News

Approfondimenti sul ritmo alimentare e del sonno delle persone con SM in Svizzera

L’attuale grafico mensile presenta una continuazione rispetto al grafico di gennaio e mostra una panoramica della routine quotidiana delle persone con SM, tenendo conto del loro ritmo alimentare e del sonno. Inoltre, l’articolo fornisce una prospettiva sulle valutazioni future della relazione tra i dati relativi all’alimentazione e il verificarsi della spossatezza. 

Sondaggio: fonti e offerte informative sul tema del coronavirus

Poco dopo la seconda ondata di Covid-19, il Registro svizzero SM ha pubblicato un ulteriore sondaggio sul tema della pandemia. Oltre alle condizioni fisiche e psichiche delle persone con SM dalla prima ondata di coronavirus, questo secondo sondaggio tematizza anche nuovi aspetti, ossia i cambiamenti relativi alla propria condizione personale causati dal virus e questioni relative a offerte e fonti informative sull’argomento.

Uno sguardo al 2020

Un anno complicato sta per volgere al termine. Il coronavirus ha sconvolto la nostra quotidianità e limitato fortemente le nostre attività e i nostri contatti sociali. Una situazione che era e rimane del tutto nuova anche per il Registro svizzero SM. Ciononostante, possiamo parlare di un anno ricco di avvenimenti, durante il quale siamo riusciti a ottenere tanti ottimi risultati insieme ai nostri partecipanti.

La vita con la sclerosi multipla ai tempi della pandemia del Covid-19

Gli effetti dell’attuale pandemia ci riguardano tutti e destano numerose preoccupazioni. Le persone con SM, che in alcuni casi assumono farmaci immunosoppressori, rientrano tra i pazienti a rischio di un decorso sfavorevole della malattia in caso di infezione. Ma quanto è difficile la situazione attuale per le persone colpite da SM e come possono convivere con essa? Il Registro svizzero SM, insieme alle colleghe e ai colleghi dei reparti di Psichiatria e Neurologia dell’Università di Berna, ha cercato di rispondere a queste domande avviando da metà aprile un breve sondaggio specifico.

×