Dettaglio

Lavoro e sclerosi multipla: prospettive future nella professione attuale

Le prospettive future nella propria professione attuale aumentano la motivazione sul lavoro e, di conseguenza, anche la qualità di vita e il benessere personale. I dati forniti dal Registro svizzero SM mettono in luce le prospettive future dei partecipanti attivi a livello professionale: il grafico del mese attuale mostra la diffusione delle prospettive future e come queste possono variare a seconda del decorso della SM.

A partire dal Suo stato di salute attuale, pensa di essere in grado di continuare la Sua attuale attività lavorativa anche nei prossimi due anni?

L’ultimo grafico del mese di settembre ha evidenziato che la metà degli intervistati con SM che svolgono una professione possono contare sul sostegno sociale del proprio datore di lavoro. A tale proposito è emerso che le persone affette da un decorso progressivo, spesso evidente anche dall’esterno, ricevono un supporto maggiore rispetto alle persone con una SM recidivante-remittente.

Nel grafico di questo mese illustriamo le prospettive future secondo le proprie stime personali, ovvero un altro aspetto importante nel contesto dell’attività lavorativa attuale. Ancora una volta abbiamo suddiviso le risposte dei partecipanti a seconda del decorso, mettendo in luce la necessità e la portata di eventuali interventi volti a migliorare la situazione.

Le prospettive future personali sono importanti per il proprio benessere

Nel grafico del mese di ottobre, 348 intervistati hanno valutato se sarebbero stati in grado di svolgere ancora la propria attività professionale tra due anni, tenendo in considerazione le proprie condizioni di salute attuali. Un buon 81% di loro si è dichiarato «alquanto sicuro» riguardo a tale prospettiva.

Tuttavia, a seconda del decorso è emerso che le persone con una SM recidivante-remittente ha risposto affermativamente con una maggiore frequenza (85%) rispetto alle persone affette da una SM progressiva primaria o secondaria (63%). Tali risultati significano che le persone con un decorso recidivante-remittente sono un po’ più ottimiste riguardo alla propria abilità al lavoro futura: un approccio che potrebbe anche derivare dall’età media di questo gruppo, di dieci anni più giovane.

Una prospettiva futura positiva è molto importante sia ai fini dell’attività professionale attuale, sia per il proprio benessere: pertanto, è assolutamente necessario elaborare ulteriori misure volte a migliorare soprattutto la situazione delle persone con una SM progressiva. Orari di lavoro flessibili e possibilità di riqualificazione su misura del singolo sono solo due dei numerosi esempi su come potrebbe essere ulteriormente migliorata la situazione professionale delle persone colpite. A tale scopo, un dialogo confidenziale con il datore di lavoro può essere utile al fine di comunicare le proprie esigenze personali per tempo.

La Infoline della Società svizzera SM offre consulenza anche ai datori di lavoro interessati.

Infoline SM: dal lunedì  al giovedì, dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 13.00 alle 17.00 (chiuso il mercoledì pomeriggio e venerdì).

×