Dettaglio

Sprachnavigation

Mobile Navigation

Alla fine di tutti i giorni

C'è stata una fase della mia vita in cui il mio ambiente professionale si è sgretolato, la mia famiglia era sparita, i miei genitori erano malati e morti, il mio matrimonio era finito, il grande amore era sparito, tutte le mie finanze erano sparite - e poi mi è stata diagnosticata la SM.

Ma essere un peso per qualcuno? Nessuno deve nemmeno spingermi in giro su una sedia a rotelle. Poi penso: compro una corda, mi assicuro che ci sia un bell'albero e un giorno in cui non faccia troppo freddo e non piova... Oppure: e se perdo la vista? Non posso vedere nulla… io sono una persona molto visiva… no, grazie.

Mi sono iscritto a un'organizzazione per il suicidio assistito. Questa è una sicurezza per me, se non ce la faccio più da solo e sono in una situazione brutta, che qualcuno mi aiuti. 

Ogni uomo dovrebbe essere libero di andarsene se se ne vuole andare. Ma dovrebbe andarsene in modo tale da non essere un peso per nessuno. Non penso che sia bello per chi sta sotto se mi butto da un grattacielo... O se il conducente dell'IC deve accendere i tergicristalli perché improvvisamente tutto è rosso. Non è colpa loro e non voglio che altri si sentano in colpa.

Ho detto al mio neurologo che non posso più controllare la situazione, che è al di là delle mie forze... ma che ho un piano d’uscita, che so esattamente quando fare cosa... e lui ha detto: «Allora è il momento di cercare un aiuto psicologico».

L'ho ascoltato e mi ha fatto bene, mi ha fatto molto bene, alla fine di un lungo processo... Ma devi essere disposto, per quanto riguarda te stesso e la tua SM, a scoprire tutte le carte senza sosta. Riconoscere un possibile disturbo post traumatico da stress, tutto. E lavorare sull'elaborazione. Separare ciò che fa parte della SM e ciò che non lo è. Altrimenti, tanto vale non farlo...

Chiunque abbia una diagnosi di SM oggi dovrebbe idealmente ricevere subito un aiuto psicologico. Perché la malattia è intangibile all'inizio. È come guidare attraverso un muro di nebbia a 250 km/h.... sperando che non ci sia un albero. E nessun ingorgo. E che la strada rimanga dritta...

Oliver R. Lattmann


Lattmann & Luana: LUI si è fatto da solo e ha diretto una flotta di jet d'affari come manager d'aviazione prima che la SM gli causasse un blocco temporaneo. LEI ha battuto Belinda Bencic sul campo da tennis, ora combatte la SM, che cerca di metterla in ginocchio ogni giorno. Oliver R. Lattmann (55) e Luana Montanaro (28) scrivono da prospettive completamente diverse su una cosa in comune: la loro SM. Come e dove incontrano comprensione e solidarietà nella vita quotidiana? E quali ostacoli e tabù incontrano (ancora) intorno alla SM nel mondo esterno? Lattmann & Luana: #insiemeSiaMopiùforti, con anche il nostro team di autori per la Giornata Mondiale della SM 2021.

×