Dettaglio

Ai margini della società (dove gli insulti sono all'ordine del giorno)

Come vorrei essere semplicemente una persona 08/15 (pronunciato «zero otto quindici» e vuol dire «comune, normale»), uguale agli altri e accettata nella società. Ma non è così che funziona. Sono ridotta alla mia disabilità. Il fatto che dietro questo handicap ci sia un essere umano, con molte buone qualità, non importa a nessuno.

Cosa ci dice una società in cui «sei ritardato» è usato come una parolaccia? Un bel po'. Ma sicuramente non è una buona cosa.

Sono un essere umano (!). Sì, con una disabilità. Ma non capisco perché le persone con handicap non siano semplicemente accettate nella società. Anzi, è il contrario! Siamo spinti ai margini della società. Siamo evitati, esclusi, ridicolizzati, isolati, discriminati e svantaggiati. A volte mi chiedo se ho il diritto di vivere.

«Ecco che arriva la palla di grasso. È una lei o un lui? Non importa, la cosa principale è il disprezzo per il peso!».

«Le persone in sedia a rotelle sono assolutamente inutili e disgustose!»

Queste sono aggressioni verbali. Ce ne sono anche di non verbali. Per esempio bloccare la porta dell'ascensore nel seminterrato con una pietra in modo che l'«inutile» disabile in sedia a rotelle non possa prendere l'ascensore fino al 2° piano! Giorno, dopo giorno, dopo giorno, il bullismo, ancora e ancora! Fa un male indescrivibile e mi fa sempre sentire una persona inutile!

I miei amici, la mia famiglia e la squadra dell'FC Thun mi sostengono sempre con forza, qualunque cosa accada. Sono la mia corazza quando vengo di nuovo bombardata di insulti. Mi difendono e mi sostengono.

«L'inclusione non può essere semplicemente decretata. Dipende anche in larga misura da atteggiamenti, esperienze e pregiudizi. Molto deve accadere nella mente delle persone prima di sperimentare l'alterità delle persone come uguaglianza». Dice Barbara Fornefeld, professoressa di scienza della riabilitazione presso l'Università di Colonia.

Quindi gente, seriamente, leggete questo e pensateci: siamo tutti uguali, siamo umani. Tratta gli altri come vuoi essere trattato tu!

Luana


Lattmann & Luana: LUI si è fatto da solo e ha diretto una flotta di jet d'affari come manager d'aviazione prima che la SM gli causasse un blocco temporaneo. LEI ha battuto Belinda Bencic sul campo da tennis, ora combatte la SM, che cerca di metterla in ginocchio ogni giorno. Oliver R. Lattmann (55) e Luana Montanaro (28) scrivono da prospettive completamente diverse su una cosa in comune: la loro SM. Come e dove incontrano comprensione e solidarietà nella vita quotidiana? E quali ostacoli e tabù incontrano (ancora) intorno alla SM nel mondo esterno? Lattmann & Luana: #insiemeSiaMopiùforti, con anche il nostro team di autori per la Giornata Mondiale della SM 2021.

×